In estate, una profonda pulizia della pelle del viso non solo è possibile ma addirittura consigliata. La soluzione migliore è sottoporsi a un trattamento viso Hydrafacial, per dare al volto luminosità e tonicità. In questa intervista, la dottoressa Sibilla Focchi spiega come funziona la pulizia del viso con Hydrafacial, perché è importante farle e quali sono i benefici.

L’estate sta per iniziare e, tra vacanze vere e proprie o brevi week-end, abbiamo già iniziato ad esporci al sole. E se questa stagione è sinonimo di leggerezza, anche nei pensieri, non dobbiamo dimenticarci, però, che alcuni gesti che compiamo istintivamente possono avere ripercussioni, anche serie, sulla nostra salute. La pelle, in particolare, è molto esposta a rischi, soprattutto quella del viso.

Leggi anche: Prevenzione e medicina estetica, come stare bene nella propria pelle

Ecco perché è sempre utile seguire alcuni semplici consigli. Primo fra tutti: non dimentichiamo mai di applicare la protezione solare. Poi non esponiamoci nelle ore più calde, quando i raggi del sole sono perpendicolari e più dannosi. Inoltre, non stiamo al sole per un tempo prolungato, soprattutto se arriviamo in spiaggia candidi come un lenzuolo fresco di bucato.

L’ideale sarebbe arrivare all’estate con una pelle sana, pronta a contrastare naturalmente le aggressioni degli agenti esterni. E il primo step per avere una cute sana, è sottoporsi regolarmente ad una pulizia del viso profonda come quella effettuata con Hydrafacial. La dottoressa Sibilla Focchi ci spiega che alleato prezioso è questa piattaforma per l’idrodermoabrasione per la nostra beauty routine, un trattamento che ha conquistato il cuore di tante celebrities.

Leggi anche: Protezione solare, come scegliere la più adatta alla propria pelle

Dottoressa è possibile sottoporsi ad un trattamento Hydrafacial di pulizia del viso prima di partire per le vacanze?

Sottoporsi a questo trattamento prima di partire significa curare la pelle detergendola in profondità e biorivitalizzandola senza aghi, senza downtiming.  Ne consegue un immediato ritorno alla vita sociale con un viso dall’aspetto immediatamente più luminoso e tonico. Il trattamento si svolge in più passaggi. Il primo passaggio consiste nella esfoliazione meccanica e superficiale della pelle. In questa fase viene utilizzato il siero ACTIV-4 che ha effetto idratante, purificante e rivitalizzante. Deterge la pelle in profondità, ammorbidisce il sebo e le impurità favorendone l’estrazione. Il secondo passaggio consiste nell’applicazione di un peeling acido. Si tratta di una esfoliazione più profonda che agisce depurando e purificando i pori. In questo periodo dell’anno si utilizza il peeling GlySalTM a base di 7,5% glicolico e 2% salicilico, che è indicato per la pelle sensibile e sottile. Non è fotosensibilizzante. Il terzo passaggio consiste nell’estrazione delle impurità. Per tale procedura si usa il siero Beta-HDTM che ha effetto idratante, sebo-regolatore, antinfiammatorio e antibatterico. Il quarto passaggio consiste nella idratazione e veicolazione di sieri specifici.

Leggi anche: Peeling al viso, è il momento di cambiare pelle

Una volta eseguito il trattamento viso, dobbiamo attendere prima di esporci al sole?

Non è necessario attendere prima di esporsi al sole poiché questo trattamento di pulizia del viso non è fotosensibilizzante e non si rischia di incorrere nelle fastidiose iperpigmentazioni post infiammatorie. È buona prassi applicare ogni mattina, nel periodo estivo da maggio a settembre, una protezione solare come Daily Sheer Broad Spectrum Sunscreen SPF50 o Smart Tone Broad Spectrum Sunscreen SPF50 di ZO Skin Health.

 

Pulizia del viso estate

 

Tra un week-end e l’altro possiamo sottoporci ad una pulizia del viso profonda come quella di Hydrafacial o rischiamo di perdere l’abbronzatura?

È molto importante eseguire il trattamento Hydrafacial tra un week-end e l’altro perché Hydrafacial permette di eliminare le cellule morte presenti sullo strato più superficiale del derma del viso, garantendo un’abbronzatura più uniforme e duratura. Anche per il corpo si consiglia di eseguire, per avere un’abbronzatura uniforme, uno scrub settimanale magari utilizzando anche l’exfoliating polish di ZO Skin Health”.

Nel caso in cui non volessimo fare una idro-dermoabrasione, quali sono i trattamenti consigliati per una pulizia del viso da fare in estate?

Un’ottima alternativa al trattamento viso Hydrafacial, nel caso non si voglia eseguire una idrodermoabrasione, può essere lo stimulator peel. Si tratta di un peeling a base di acido lattico, citrico e glicolico, che rimuove le cellule morte, minimizza l’aspetto delle linee sottili e delle pigmentazioni superficiali uniformando il colorito”.

Se le vacanze arrivassero nel bel mezzo di un ciclo di Hydrafacial, potremmo interromperlo e riprenderlo al nostro ritorno?

È possibile interrompere il ciclo di Hydrafacial ma si può anche non rinunciarvi poiché tramite il sito Hydrafacial.com si può trovare, in ogni parte del mondo, il centro medico più vicino in cui usufruire della coccola nonché dell’azione terapeutica del trattamento anche in vacanza.

Leggi anche: Tutti i benefici dell’Aloe vera per la pelle

Quanto è importante pulire la pelle in estate?

La detersione della pelle in estate è fondamentale poiché in questo periodo dell’anno aumenta la sudorazione e la secrezione sebacea. Oltre ad eseguire il trattamento di idrodermoabrasione professionale in studio è quindi importante un’attenta routine di skincare al domicilio, grazie alle soluzioni offerte da ZO Skin Health che verranno prescritte dal centro medico”.