Dal piatto al beauty case: ecco le vitamine!

Nella quotidiana lotta contro il tempo che passa, possiamo contare sul supporto di tante piccole amiche: le vitamine. Già dall’etimologia del loro nome, “Amine vitali”, capiamo come queste sostanze bioregolatrici siano fondamentali per la nostra esistenza. In gran parte assumiamo le vitamine attraverso il cibo e oggi sono una componente fissa anche della nostra beauty routine.

Se in principio furono distinte in due grandi gruppi (A per le liposolubili e B per le idrosolubili), ora abbiamo una classificazione più specifica e semplice da memorizzare perchè segue l’ordine alfabetico. La Vitamina A la troviamo nel fegato, nelle arance, nella frutta gialla matura, negli ortaggi a foglia, nelle carote, nella zucca, negli spinaci, nel pesce, nel latte e in ambito estetico la conosciamo con  le sue denominazioni chimiche: retinolo e acido retinoico. Ripristina l’idratazione e la naturale funzione barriera della pelle, promuove il rinnovamento cellulare andando così a migliorare la texture, stimolando anche la produzione di collagene e quindi migliorando il tono e l’elasticità e inibisce la melanina uniformando il colorito. Tutte proprietà contenute in molti prodotti della linea ZO Skin Health ideata dal dottor Zein Obagi, dermatologo di fama mondiale. Tra essi  Daily Power Defense, Wrinkle+Texture Repair, Radical Night Repair, Retinol Skin Brightener, Recovery Crème e i trattamenti per il contorno occhi Intensive Eye Crème e Eye Brightening Crème. Così come è presente in tutta la gamma Rejuvenate di Intraceuticals. La vitamina A è spesso associata alla vitamina C (come in 10% Vitamin C, nella Pigment Control Brightening Crème e sempre in Rejuvenate) e alla vitamina E (10% Vitamin C e Rejuvenate).

La vitamina C, nota anche come acido ascorbico, è contenuta in tutti gli agrumi, nel kiwi, nelle fragole, nell’ananas, nelle ciliegie e in verdure come lattuga e spinaci, in ortaggi come pomodori e peperoni, broccoli, cavolfiori. Svolge un’azione schiarente e anti-age combattendo i radicali liberi e l’ossidazione. I prodotti Intraceuticals Rejuvenate contengono vitamina C così come 10% Vitamin C di ZO Skin Health.

La Vitamina E è contenuta per lo più negli oli vegetali, come l'olio di germe di grano, l'olio di mandorle, l'olio di girasole, l’olio d’oliva, l’olio di cartamo, l’olio di soja, l'olio di cotone e di mais; nella frutta secca come mandorle, nocciole, semi di girasole, arachidi; nei cereali integrali, nelle uova , così come spinaci, asparagi, ceci, crescione, marroni, broccoli, pomodori. La Vitamina E è il più potente antiossidante ed è in grado di riparare i danni indotti alla pelle dai fattori che ne accelerano l’invecchiamento, come l’esposizione ai raggi solari, il fumo di sigaretta e l’inquinamento atmosferico. Per questo è contenuta in tantissimi prodotti antirughe.

Cerchiamo quindi di fare scorta di vitamine a tavola e di leggere sempre gli ingredienti contenuti nei prodotti e optare per quelli che contengono queste preziose Amine necessarie alla vita


Anno Nuovo, Pelle Nuova

Come ogni inizio anno, i pensieri si affollano di una miriade di buoni propositi, tanti dei quali non vedranno mai luce nel corso dei seguenti 365 giorni.

Uno di questi però, dovrebbe essere in cima alla lista: pendersi maggior cura di noi stessi. Un’ottima partenza sarebbe quella di guardare la nostra pelle da un’altra prospettiva. Lo specchio può anche essere compiacente, ma la realtà potrebbe non esserlo. Per togliere ogni filtro e svelare ogni segreto (anche quelli indicibili) dobbiamo vedere la nostra pelle attraverso la lente di Observ 520. Questo strumento funziona grazie al principio della fluorescenza, esponendo la pelle ad una bassa dose di raggi UV, rivelando così le condizioni della pelle (perfino dei suoi strati più profondi) con un contrasto e una chiarezza ineguagliabili.

Partendo da questa analisi accurata, possiamo impostare la nostra beauty routine per avere una pelle nuova, più sana, più giovane e tonica. Seguendo queste semplici regole, potremo raggiungere il nostro obiettivo in tempo breve. La prima e imprescindibile regola è quella di pulire perfettamente la pelle sia al mattino e con maggior ragione la sera. In questa fase ci viene in aiuto il kit Getting Skin Ready della linea ZO Skin Health creata dal dottor Zein Obagi, dermatologo di star come Angelina Jolie e Cameron Diaz. Detergente, scrub, dischetti imbevuti di sostanze purificanti precedono l’applicazione di una crema stimolatrice, Daily Power Defense, della produzione di collagene ed elastina e poi di quella di una crema adeguata alle nostre specifiche esigenze.

Ma non c’è crema o routine che tenga se non seguiamo un’alimentazione sana ed equilibrata, il che non significa per forza punitiva. Evitando tutto ciò che è elaborato industrialmente e puntando sul consumo di cibi semplici, ricchi di fibre, minerali e vitamine, amici della nostra pelle a cui donano tono e luminosità. Può sembrare non avere alcuna attinenza con ciò di cui stiamo parlando, ma anche svolgere costantemente un’attività fisica aiuta ad avere una pelle perfetta. Uno perchè l’esercizio fisico attiva il metabolismo, due perchè attraverso la sudorazione eliminiamo le tossine, purificando tutto l’organismo. Anche il sonno è un altro step fondamentale, tanto che in inglese esiste la locuzione “beauty sleep”, è infatti durante il sonno che il nostro organismo mette in funzione il meccanismo di autoriparazione attivando il rinnovo cellulare. Ultima regola, oggi come non mai valida anche a causa del propagarsi del virus, non toccarsi troppo il viso. Le mani non sono mai pulitissime e quindi sono veicolo per batteri e impurità che vanno ad aggravare infiammazioni già esistenti come l’acne o agevolano l’ostruzione dei pori dando vita a punti neri ed altre imperfezioni.

 


Detox: Purifichiamoci dopo le Feste

Guardatevi allo specchio. Se avete la pelle spenta, atonica, con rush cutanei la colpa potrebbe essere del surplus di zuccheri che abbiamo ingurgitato durante le feste. L’amara verità è che anche lo zucchero è tra le cause dell’invecchiamento cutaneo precoce. Ma per ogni danno c’è un rimedio.

E se il primo è quello di dare un taglio drastico al consumo agli zuccheri in tutte le loro forme (compresi pasta e pane) favorendo il consumo di cereali integrali, frutta e verdura fresche possibilmente entro le 17 (lo zucchero ha un potere eccitante, tra l’altro, quindi disturbatore del riposo notturno), il secondo è quello di detossinare la pelle con prodotti ad hoc. Concedersi un bel bagno rilassante con sali del Mar Morto, o meglio ancora con sali di Epson (ma solo dopo aver ricevuto un parere positivo dal vostro medico), aiuterà ad espellere le tossine in modo molto piacevole. Usare lo scrub a giorni alterni sotto la doccia almeno per una settimana, aiuterà la pelle a rinnovarsi con più facilità e ad assimilare meglio i principi attivi contenuti nei prodotti che utilizzeremo nella nostra routine purificatrice. Stesso discorso vale per il viso, dove la fase di detersione diventa il cardine sul quale far girare tutto il nostro programma di recupero.

Usare un cleanser, come Exfoliating Cleanser di ZO Skin Health, ad alto potere pulente seguito da un leggero scrub, consigliatissimo Dual Action Scrub sempre della gamma ZO Skin Health, sono i due step fondamentali da ripetere mattina e sera. A seconda della nostra problematica possiamo concederci una bella maschera due, tre volte alla settimana. All’aloe vera per calmare, allo zolfo per purificare più in profondità.

Hydrafacial, oltre al programma di pulizia intensa, ha ideato anche un protocollo linfodrenante da provare assolutamente durante il nostro detox. Sembra un rimedio della nonna, ma bere tanta acqua resta sempre e comunque il consiglio principale per affrontare un periodo di detossinazione, magari tiepida e a stomaco vuoto in modo da dare una mano anche all’intestino ad eliminare scorie e a riprendere la sua attività in modo sano e normale. Ora, fate tutto questo per almeno 15 giorni (meglio se 21) e riguardatevi allo specchio.


Come ottenere una pelle con effetto WOW!

Stiamo vivendo giorni sicuramente particolari. Le feste passate in casa tra pochi intimi, il computer sempre acceso per gli auguri via Zoom tra amici e parenti lontani. L’imperativo, oltre a non deprimersi, è non trascurarsi. Approfittiamo di questo “ritiro” forzato per elevare la nostra skincare routine ad un livello superiore e ottenere una pelle meravigliosa dall’effetto Wow!

Partiamo dal presupposto che la bellezza esteriore la costruiamo dall’interno (no, non stiamo facendo un discorso new age sebbene ce ne siano tutti i presupposti) quindi una giusta nutrizione ricca di vitamine, superfood e grassi amici con un buon introito proteico associata ad un elevato apporto d’acqua rappresenta la base sulla quale costruire la nostra pelle perfetta. Quello che possiamo fare esternamente è prenderci cura di noi con prodotti e trattamenti realmente efficaci, regalandoci magari un trattamento Hydrafacial da ripetere mensilmente per pulire la pelle in profondità, detossinarla, idratarla, tonificarla, illuminarla. Se seguiamo già uno dei protocolli messi a punto dal dottor Zein Obagi con la sua linea ZO Skin Health, questo è il momento giusto per premere sull’acceleratore usando prodotti più strong che ci aiuteranno a tornare indietro nel tempo. Togliamo la stanchezza e lo stress con formule che aumentino l’esfoliazione (Exfoliating Accelerator ed Enzymatic Peel fanno al caso nostro) e poi via libera al retinolo in percentuali progressive come quelle contenute in Retinol Skin Brightener o in dosi più importanti come in Radical Night Repair, idoneo anche per eseguire un peeling domiciliare al retinolo stimolante o in Wrinkle + Texture Repair. Giorno dopo giorno vedremo la nostra pelle compattarsi, uniformarsi nel colorito, illuminarsi e perchè no ... ringiovanirsi tanto da far esclamare “Wow!” a chi ci vedrà nella prossima videochiamata.


Come prendersi cura del proprio corpo durante l'inverno

Il bikini body si costruisce in inverno. Questo statement dovrebbe diventare una filosofia di vita che eliminerebbe, così, le cose affannose e infruttifere verso un corpo da urlo solitamente intraprese a maggio. Prendersi cura del proprio corpo durante le stagioni fredde, non solo ci dà un ampio margine d’azione spalmato su un arco temporale più lungo, ma ci permette di variare e di avere un approccio davvero a 360° e non solo targettizzato sulle zone che non ci piacciono proprio.

Primo step verso la costruzione del nostro corpo perfetto è detossinarlo.

Hydrafacial ha messo a punto il protocollo “Limphatic Therapy” che rimuove le scorie e le tossine, svelando una pelle sana, dall’aspetto disinfiammato.  Per rassodare e perdere i centimetri di troppo Endymed con la sua radiofrequenza multisorgente a fasi alternate brevettata, propone una gamma di trattamenti che scolpiscono letteralmente la silhouette. Grazie alla tecnologia non invasiva 3 DEEP possiamo ridefinire i nostri punti critici in mezzora, senza bisogno di tempo di recupero con risultati visibili sin dalla prima seduta. Questo tipo di trattamento è il più richiesto ed è facile capire il perchè. Siamo quotidianamente bombardati dai media e dai social con immagini di corpi perfetti, a volte naturalmente irreali, che è difficile sottrarsi a questa pressione. Il desiderio di ottenere risultati in tempo celere, abbinato alla paura di sottoporsi ad un vero e proprio intervento chirurgico, portano inevitabilmente a scegliere trattamenti di alta gamma ed efficaci come questi.

E avere un paziente felice del proprio aspetto, con una sana consapevolezza del proprio corpo, è uno dei punti cardine sui quali si basa la filosofia di Endymed.  Grazie ai suoi manipoli, Contour, Shaper e Mini-Shaper – si possono ottenere: riduzione della circonferenza, riduzione della cellulite, rassodamento delle braccia, delle cosce, dei glutei, affinamento del punto vita e rassodamento dell’addome. Programma un ciclo di 6/8 sedute ravvicinate, più una seduta mensile di mantenimento, arriveremo all’estate più in forma che mai.

E cosa dire delle smagliature?? Messo a punto da un team di ricercatori israeliani per la cura di cicatrici e cheloidi Enerjet si sta rivelando la nuova frontiera nel trattamento delle smagliature. Iniettando senza aghi e ad altissima velocità (535 km/h) un composto terapeutico a base di acido ialuronico, è in grado di provocare un effetto esplosione, “effetto blast”, nella pelle diffondendo i principi attivi e generando la produzione di nuovo collagene e un successivo rimpolpamento e rassodamento della pelle.


Maskne: il problema del momento, cos'è e come affrontarlo

Tra le tante nuove abitudini a cui la pandemia ci ha “obbligato”, quella dell’indossare la mascherina è diventata la più indispensabile. Accessorio indispensabile per la nostra protezione, ci ha però costretto a cambiamenti visibili nella nostra skincare routine e nel nostro make up. E uno spiacevolissimo effetto collaterale che abbiamo battezzato simpaticamente “maskne”, (crasi delle parole mask - maschera/mascherina - e acne) anche se di simpatico questo disagio ha davvero poco. Sono sempre di più, infatti, le infiammazioni dovute all’uso continuo della mascherina, che, se indossata in modo corretto, non permette la traspirazione. Brufoletti, disidratazione, rossori, sono la conseguenza della lunga permanenza della nostra pelle sotto i dispositivi protettivi. Il processo infiammatorio inizia con questo micro effetto sauna, che porta a sudare, con un conseguente aumento di batteri che vengono a contatto con l’epidermide.

La prima cosa da fare per ovviare a questo inconveniente è seguire una routine di skincare che vada a risanare la barriera lipidica e ristabilire l’equilibrio del ph, fornendo così alla pelle, delle armi in più per difendersi oltre all'aiuto di trattamenti specifici. HydraFacialTM e la sua pulizia profonda dovrebbero essere il primo step per liberare la pelle dalle impurità e renderla più ricettiva all’assorbimento dei trattamenti seguenti. Nei casi più seri, l’appuntamento con “detersione, estrazione ed infusione” può diventare quindicinale. Un’ottima alternativa è l’ossigenazione profonda data da Intraceuticals, ripetuta per un ciclo settimanale per 6 settimane seguita dall’uso dei prodotti della linea Clarity a base di potenti antiossidanti e vitamine, priva di oli e solfati adatta a chi ha un leggero disagio.

Ma come immaginerete, la sinergia tra trattamenti e prodotti domiciliari è la migliore strategia e qui entra in gioco la routine di skincare proposta dal Dottor Zein Obagi con la sua ZO Skin Health. Si parte con il programma GSR (Getting Skin Ready) detersione, scrub, controllo del sebo (cleanser, scrub, pads). Per questa ultima fase, se la pelle è molto irritata o presenta desquamazioni, il Calming Toner è il prodotto con il quale sostituire i dischetti. Aiuta la pelle a sfiammarsi, esegue una leggerissima esfoliazione, lascia una sensazione di freschezza e pulizia che immediatamente danno ristoro e sollievo. A seguire un must have di ogni protocollo: Daily Power Defense. Acne Control in alternativa o in combinazione con Exfoliation Accelerator per concludere le applicazioni quotidiane. Senza dimenticare la protezione, da scegliere nella formulazione Broad Spectrum Sunscreen SPF 50 ideale per pelli sensibilizzate e con acne. Due o tre volte alla settimana, si può applicare l’iconica Complexion Clearing Masque nella zona interessata dall’acne o dal rush cutaneo.

 


Freddo, vento, neve: ecco la skincare per l'inverno

L’inverno è la stagione ideale per affrontare trattamenti importanti al viso. In questo periodo poi, più che mai, dato che la pandemia ci costringe a passare molto più in tempo in casa. È quindi il momento adatto a far salire di livello la nostra routine di skincare, aggiungendo quei prodotti un po’ più strong che faranno la differenza sul nostro viso.

Partiamo dal presupposto che non siamo proprio reclusi e quindi nelle capatine fuori casa, veniamo esposti alle basse temperature e all’aria fredda che ci danno una sferzata al metabolismo, ma hanno come effetto collaterale rossori, secchezze e rush cutanei.

Il dottor Zein Obagi ha messo a punto un protocollo che ci aiuterà in modo effettivo a combattere questi disagi regalatici dalla stagione fredda. Se il nostro problema è la cuoperose,  dopo la fase di preparazione della pelle (ZO GSR - getting skin ready) che prevede detersione, scrub e controllo del sebo, essenziale per il raggiungimento dell’obiettivo di avere una pelle più sana, tonica e giovane, applichiamo Daily Power Defence il prodotto “mai più senza”, seguito da Rozatrol mattina e sera. Rozatrol, con i suoi componenti chiave papaina e algina idrolizzata, minimizza i rossori e promuove un microcircolo sano proteggendo le terminazioni nervose e mantenendo una corretta comunicazione tra cellule.

Se il nostro problema è un’eccessiva secchezza possiamo inserire nella nostra routine la Recovery Crème ad azione emoliente ed idratante che fornisce una ricca barriera protettiva e al contempo promuove il rinnovo cellulare. Ricca di squalene (una sostanza presente nell’olio di fegato degli squali, ma anche nei semi di amaranto, nella crusca di riso, nel germe di grano e nelle olive), burro di karité, estratto di salice canadese dalle proprietà cheratolitiche utili nella cura di eczemi e psoriasi, è adatta a tutte le pelli anche le più reattive e ipersensibili. Grazie all’avena colloidale e alla glicerina in esso contenute, Hydrating Crème, è il prodotto da utilizzare in presenza di prurito, irritazioni e severa disidratazione. Il processo di risanamento della pelle verrà così accelerato anche in presenza di dermatite atopica, rosacea, acne infiammata.

Una volta sistemati i problemi inerenti alla difesa dalle temperature rigide, possiamo pensare a ridefinire i contorni del nostro ovale e, perchè no, a cancellare i segni del tempo, stavolta inteso in senso cronologico. Se siamo già avvezzi ad uno dei protocolli anti-age studiati da Obagi, possiamo eseguire un upgrade, da prima alternando il Growth Factor Serum con il Wrinkle + Texture Repair, per poi usare solo quest’ultima una volta che la pelle si sia abituata alla dose di retinolo in esso contenuta. Dopo un periodo di utilizzo di Wrinkle + Texture Repair si può ulteriormente salire di livello e utilizzare Radical Night Repair, il più "potente" degli anti age di ZO Skin Health, che generando esfoliazione iniziale sarà in grado di levigare la pelle in modo evidente cancellando i segni del tempo e preparando la pelle in modo ottimale perché i trattamenti a cui ci sottoporremo in studio diano risultati molto migliori.

Ricordiamoci sempre di applicare la protezione solare, ora a maggior ragione, dato che la pelle potrebbe risultare più sensibilizzata dai trattamenti più intensi. Altra ragione, non trascurabile in tempo di Smart Working è la costante esposizione alla blue light emessa dai devices di fronte ai quali passiamo molte più ore, pochi lo sanno ma attiva una produzione di radicali libera pari a quella di UVA + UVB messi insieme. Con questi piccoli suggerimenti, ora siamo pronti a vedere cambiare in positivo il nostro aspetto e ad affrontare anche le più rigide temperature protetti dai prodotti ZO Skin Health.