Acne in estate? Nessun problema se si seguono i consigli giusti. L’esposizione alla luce solare, con le dovute protezioni, svolge naturalmente un’azione antinfiammatoria e la tintarella mitiga l’aspetto irregolare della pelle. Ecco come trarre il meglio dall’estate se abbiamo la pelle impura.

Il sole è un grande amico della pelle se sfruttato nella giusta maniera. L’esposizione ai suoi raggi, infatti, può addirittura migliorare l’aspetto dell’acne e sicuramente quello di psoriasi e dermatite. Questa azione antinfiammatoria è in realtà il risultato di una reazione difensiva della nostra pelle, la cui prima manifestazione è l’abbronzatura, che così va ad autocurarsi.

Come scegliere la protezione solare giusta

Anche in estate: non bisogna sospendere la skincare routine

La prima cosa da fare è appunto continuare a seguire il protocollo specifico per l’acne, un mix di prodotti che vada a risanare la barriera lipidica e ristabilire l’equilibrio del ph, fornendo così alla pelle delle armi in più per difendersi. Se esageriamo però con la tintarella, il nostro stato peggiorerà. Il miglioramento o il peggioramento, infatti, sono direttamente proporzionali alla quantità di raggi solari a cui ci esponiamo. Se lo facciamo in modo corretto, otterremo beneficio, con una visibile riduzione della produzione di sebo e una minore proliferazione dei batteri che portano all’infiammazione acneica.  Se ci esponiamo in modo eccessivo, invece, lo strato corneo, quello più superficiale della pelle, si ispessirà e porterà ad una iperproduzione di sebo, che andrà ad occludere il follicolo pilo-sebaceo, favorendo la formazione dei comedoni e il peggioramento dell’acne.

Leggi anche l’approfondimento sulla rosacea

Il Dottor Zein Obagi con la sua ZO Skin Health, propone di iniziare con il programma GSR (Getting Skin Ready): detersione, scrub, controllo del sebo (cleanser, scrub, pads). La detersione è ancora più fondamentale in questo periodo, in cui anche un’abbondante sudorazione concorre a rendere la pelle più “sporca” sebbene priva di makeup o di depositi di agenti inquinanti, solitamente più presenti in città rispetto ai luoghi di vacanza. Per questa ultima fase, se la pelle è molto irritata o presenta desquamazioni, il Calming Toner è il prodotto con il quale sostituire i dischetti. Aiuta la pelle a sfiammarsi, esegue una leggerissima esfoliazione, lascia una sensazione di freschezza e pulizia che immediatamente danno ristoro e sollievo. A seguire un must have di ogni protocollo: Daily Power Defense. Acne Control in alternativa o in combinazione con Exfoliation Accelerator per concludere le applicazioni quotidiane.

Senza dimenticare la protezione, da scegliere nella formulazione Broad Spectrum Sunscreen SPF 50 ideale per pelli sensibilizzate e con acne. Due o tre volte alla settimana, si può applicare l’iconica Complexion Clearing Masque nella zona interessata dall’acne o dal rush cutaneo.

Leggi anche l’approfondimento sulla cellulite

I trattamenti da fare in studio

E se questa è la routine che dobbiamo continuare a seguire a casa, in studio possiamo comunque continuare a sottoporci a trattamenti specifici. HydraFacial e la sua pulizia profonda dovrebbero essere il primo step per liberare la pelle dalle impurità e renderla più ricettiva all’assorbimento dei trattamenti seguenti. Nei casi più seri, l’appuntamento con “detersione, estrazione ed infusione” può diventare quindicinale anche in estate.

(l’articolo prosegue dopo l’immagine)

trattamento acne

Un’ottima alternativa è l’ossigenazione profonda data da Intraceuticals, ripetuta per un ciclo settimanale per sei settimane seguita dall’uso dei prodotti della linea Clarity a base di potenti antiossidanti e vitamine, priva di oli e solfati adatta a chi ha un leggero disagio.

Una maggiore attenzione va prestata se stiamo ancora eseguendo una serie di trattamenti con microneedling SkinPen. Ricordiamo che questo trattamento consiste in micro-perforazioni della cute effettuate con un macchinario fornito di testine monouso con aghi sottilissimi che creano tantissimi microtraumi. La pelle reagisce attuando una auto-riparazione dell’organismo, producendo collagene e accelerando il turnover cellulare. Quindi, il risultato che si ottiene con SkinPen è un visibile ringiovanimento dell’aspetto. Con una sola seduta si avrà la produzione di nuovo collagene e nuova elastina e il rilascio di fattori di crescita, ottenendo come effetto un viso rassodato e senza segni lasciati dal tempo o da infiammazioni. È indicato, quindi, anche nella cura delle cicatrici da acne (tutti i tipi di acne), alla minimizzazione delle rughette, alla riduzione dei pori dilatati, alla correzione della pigmentazione cutanea.

(l’articolo prosegue dopo l’immagine)

Trattamento acne skinpen

Finita la seduta, il viso appare arrossato e sensibile al tatto come quando si prende una scottatura con il sole dell’estate. Il giorno seguente, o in alcuni casi anche nelle 48 ore successive il trattamento, è quindi consigliato non esporsi al sole e possibilmente anche truccarsi per non interferire nel processo di autoguarigione della pelle. Dopo circa due giorni la pelle sarà completamente nuova, con un colorito più uniforme, più compatta e radiosa. Il trattamento solitamente non si esaurisce in un’unica seduta, sebbene già dopo solo una volta la pelle appare visibilmente migliorata. L’ideale sarebbe sottoporsi a sedute costanti nel tempo, ma distanziate di almeno 4 – 6 settimane una dall’altra, a seconda dei casi. Ma anche solo un trattamento a stagione regala nuova freschezza al viso.

Leggi anche l’approfondimento sul peeling al viso